Il gelsomino

 

                          ho ritrovato il profumo del gelsomino

                         Intenso, inebriante  come una poesia

              

 

    “Cammina cammina

     ho  ritrovato

     il pozzo d’amore

 

      Nell’occhio

     di mill’una notte

     ho riposato

 

     Agli abbandonati giardini

    ella approdava            

    come una colomba

 

   Fra l’aria

  del meriggio

  ch’era uno svenimento

  le ho colto

  arance e gelsumini”

                   

  da  Il Porto Sepolto

                     Fase –  G. Ungaretti 

Annunci

passeggiata

 

nella Riserva Naturale Oasi di Crava Morozzo

Sono stata ore ad osservare  la vita nello stagno, a spiare fra le felci, i canneti e le erbe galleggianti le folaghe con i pulcini; più lontano, su tronchi d’albero caduti gli aironi, i germani.  C’era silenzio, il canto melodioso  di molti uccelli  avvolgeva quell’angolo di

quiete, poi all’improvviso  irrompeva il verso del cuculo,  e sovrastava quei gorgheggi,per un attimo, poi tornava la quiete.Sulle sponde dei laghetti, fra salici e ontani, le acacie  sfoggiavano un trionfo di fiori bianchi spandendo nell’aria un profumo così dolce che pareva di respirare miele.

Mi piace osservare la natura che si specchia nell’acqua:

ecco  il riflesso tremulo di un albero

la natura  ha insegnato agli impressionisti, in particolare quest’altra immagine mi ricorda

“il bacino delle ninfee” di Claude Monet, quieta visione dai colori tenui, un po’ malinconici,

e la folaga si  muove fra queste pennellate di colore ,  ad ogni colpo delle zue zampette palmate

l’acqua  trema e rimodella le sagome in essa  riflesse

per Francesca e Alberto

 

fiori rossi e arancio con qualche tocco di bianco,

colori caldi  e vivaci per il “loro” giorno.

AUGURI ancora, di cuore!

 

  

 

 

Mi piace trascrivere la “prima lettura” che gli sposi hanno scelto e

che trovo molto bella

Dal Cantico dei Cantici (2,8-10.14.16;8,6-7)

Una voce, Il mio diletto! Eccolo, viene saltando per i monti, balzando per le colline. Somiglia il mio diletto a un capriolo o ad un cerbiatto. Eccolo, egli sta dietro il nostro muro; guarda dalla finestra, spia attraverso le inferriate, Ora parla il mio diletto e mi dice: “Alzati, amica mia, mia bella, e vieni! O mia colomba, che stai nelle fenditure della roccia, nei nascondigli dei dirupi, mostrami il tuo viso, fammi sentire la tua voce, perchè la tua voce è soave, il tuo viso è leggiadro”. Il mio diletto è per me e io per lui. Egli pascola il gregge fra i figli. Mettimi come sigillo sul tuo cuore, come sigillo sul tuo braccio; perchè forte come la morte è l’amore, tenace come gli inferi è la passione: le sue vampe son vampe di fuoco, una fiamma del Signore ! Le grandi acque non possano spegnere l’amore nè i fiumi travolgerlo. Se uno desse tutte le ricchezze della sua casa il cambio dell’amore, non ne avrebbe che dispregio.   

Parola di Dio

Farfalle

 

 

                    PAPILLONS

               MARIPOSAS

           BUTTERFLIES  

tutte insieme, senza confini, festose si rincorrono

nel   Round   Robin  incorniciato di chiaro larice.

                                 LA FARFALLA

                                Nascere a primavera, morire con le rose,

                                sulle ali di uno zefiro nuotare nella luce,

                               cullarsi in grembo ai fiori appena schiusi,

                                in una brezza pura di profumi e d’azzurro,

                               scu0tere, ancora giovane, la polvere dalle ali,

                              volare come un soffio verso la volta infinita:

                              ecco della farfalla il destino incantato.

                              Somiglia al desiderio che non si posa mai,

                             che mai si sazia, ogni cosa sfiorando

                             per poi tornare al cielo, in cerca di piacere.

                                                              Alphonse de Lamartine

le eleganti calle

 

                      con una rosa rossa

                      per  una  festa  di laurea

Euroflora

 

alcuni collages delle tante fotografie che ho scattato per dire

che mi è piaciuta tantissimo!

Euroflora vista dai bambini: simpatici disegni colorati come  i loro

sogni e la loro fantasia

il fascino delle immagini d’antan

ceramiche artistiche e rose

 

 

e le  orchidee  superbe,  affascinanti