cavoli

 

 

color panna con il cuore tinto di viola pallido,

circondati da pitosforino variegato e bear grass

essicata, qualche ramo di salice che, immerso

nell’acqua del vaso, fra qualche giorno si coprirà

di  nuove foglioline,  una composizione invernale

che fa l’0cchiolino alla primavera.

 

cavoli 002 - Copia

 

2013-02-26 cavoli

 

Annunci

San Valentino

 

 

impastiamo ogni giorno un granello

d’amore

perchè un giorno solo l’amore

abbracci  l’universo,

dalla  piccola formica al grande sole,

dalla foglia di una fragola alla sequoia,

potremo allora scorgere anche su un ramo secco

la luce  di una stella.

san valentino 002 - Copia

san valentino 004 - Copia

san valentino 007 - Copia

Farò della mia anima uno scrigno

per la tua anima,

del mio cuore una dimora

per la tua bellezza,

                                                  del mio petto un sepolcro

                                                  per le tue pene.

                                                 Ti amerò come le praterie

                                                amano la primavera,

                                                  e vivrò in te la vita di un fiore

                                                  sotto i raggi del sole.

                                                  Canterò il tuo nome come la valle

                                                   canta l’eco delle campane;

                                                   ascolterò il linguaggio della tua anima

                                                   come la spiaggia ascolta

                                                   la storia delle onde.

Gibran Kahlil

                                                      

il gotico

 

 

la cattedrale che il ghiaccio

ad ogni inverno costruisce,

sempre uguale, sempre diversa.

 

2013-02-11 neve 11 febbraio

trasparenze

 

in un giorno di neve

quella bella, proprio bella,

leggerissima come borotalco

che solo il freddo può regalare.

Guardavo attraverso i vetri il

paesaggio fatato.

Le girandole  colorate

neve 11 febbraio 014 - Copia

neve 11 febbraio 022 - Copia

orme di uccellini in cerca di cibo

neve 11 febbraio 009 - Copia

la neve non è solo poesia, lo sa bene questo piccolo e, purtroppo, chissà quanti essere umani .

neve 11 febbraio 007 - Copia

la neve ha ricoperto la ciotola con i semi e le briciole, mi affretto, offro un po’ di aiuto

neve 11 febbraio 021 - Copia

La Chandeleur

 

 

festa popolare latina di origine pagana legata  alla luce, la “festa candelarum”,

festa delle candele che si usava  accendere a mezzanotte  come simbolo di

purificazione.

Nella religione cristiana è il giorno della presentazione di Gesù al Tempio e

della purificazione della Vergine Maria, 4o giorni dopo la  nascita di  Gesù;

rito al quale molte donne si sono sottoposte anche in tempi moderni.

Le leggende  legate alla Candelora si perdono nella notte dei tempi; ho letto

che  l’orso, animale simbolo per molte popolazioni,  usava uscire dal letargo

proprio in questo giorno, ma se avesse visto il sole, sarebbe subito tornato nella

tana perchè l’inverno sarebbe stato ancora lungo;  un’altra leggenda invece

ci assicura che la Candelora coincide con la fine dell’inverno  e ci invita a festeggiare

le giornate più luminose……

Io ho scritto il titolo del post in francese perchè questa sera festeggeremo con gli

amici del “Cercle des bons vivants”  à la mode  in uso oltr’Alpe e cioè con le crepes,

salate   e dolci,

Le crepes, con la loro forma rotonda e il loro colore dorato, ricordano il sole  e

rappresentano in tutta la Francia  un simbolo beneaugurante per  il ritorno alla

vita della natura, dopo il freddo dell’inverno.

In attesa della serata, io ho  iniziato a festeggiare  accendendo le candele casalinghe,

realizzate durante le feste natalizie, con tanti pezzi raccolti nel corso degli anni,

fatti fondere a bagno maria , versando poi  la cera liquida in fondi di bottiglie  e

bicchieri di plastica,  non sono perfette, ma sono carine!

e poi ho fatto il pane e

la focaccia che in quanto a “doratura” non hanno nulla da invidiare alle più nobili

crepes che le mie amiche staranno già preparando!!

 

 

candele 001

candele 002

candele 004

 

et voilà les crepes, sucrées et  flambées,

elles étaient bien bonnes, un vrai régal!

 

candele 007

 

candele 009