garofani e salice

 

 

  avevo in mano un mazzolino di garofani rosa e

  uno scaldino in rame,

  volevo fare una composizione, ma proprio non

  trovavo nulla che potesse accostarsi come forma e

  come colore, ma ero in campagna e allora………..

 basta guardarsi un po’ attorno, con l’occhio creativo!

 Ho visto i rametti del salice potato, lì a terra,  nel

fango,  sono proprio insignificanti, ma con un po’

di fantasia possono fare la loro bella figura!!

SALICE 003 - Copia (2)

Annunci

San Valentino

 

 

SAN VALENTINO 001 - Copia

Se devi amarmi, per null’altro sia

se non che per amore.

Mai non dire:

“l’amo per il sorriso,

per lo sguardo,

la gentilezza del parlare,

il modo di pensare,

che mi rese sereno un giorno”.

Queste son tutte cose

che posson mutare.

Amato, in sé o per te, un amore

così sorto potrebbe poi morire.

E non amarmi per pietà di lacrime

che bagnino il mio volto.

Può scordare il pianto

chi ebbe a lungo

il tuo conforto, e perderti. 

Soltanto per amore amami

e per sempre, per l’eternità.

Elizabeth Barret Browning

SAN VALENTINO 007 - Copia

amare l’inverno

 

 

la  morta stagione, ma solo

per coloro che anelano alla  primavera

come al momento in cui potranno  riempire

le loro giornate,  con la frenesia di fare tante cose,

eppure

l’inverno ha il suo fascino, come tutte le stagioni.

L’inverno è la dolcezza di godere dell’intimità della

propria casa, del piacere di un libro, della musica,

di spolverare con calma i ninnoli che ci riportano

alla mente tanti ricordi.

L’inverno è la meraviglia di una camminata nel bosco

spoglio dove, a chiazze, la neve gelata scricchiola sotto

gli scarponi,  fermarsi e ascoltare il silenzio.

E poi c’è il mare d’inverno, calmo oggi, offriva colori

meravigliosi, azzurro, verde smeraldo,  arrivava stanco a

lambire la riva  piena di gabbiani, al lido delle sirene

 

mare dei gabbiani

 

sulla scogliera  stanno già raccogliendo steli e rametti per il nido

gabbiani

 

c’è nell’aria profumo di macchia e  di mare, la luce intorno all’isola si affievolisce, quasi una foto

in bianco e nero

bergeggi 1

 

bergeggi 2

 

e l’uomo di pietra vigila, le rughe profonde ci dicono che lui è lì da tanti anni, vede tempeste, sopporta

venti impetuosi e mareggiate che arrivano a lambire la sua fronte,  è lì da tanto tempo, ma non sa se

qualcuno lo ha già visto, così evidente eppure così celato.

 

uomo di pietra

 

sulla scogliera sono già fiorite le violacciocche

violacciocche

 

          dalla collina le mimose spandono il profumo dolce  che giunge fino al mare,   l’inverno

           non è una stagione morta, non è vero?

           E poi è ancora tempo di cavolini, quelli ornamentali, color panna con il cuore tinto di sfumature

            viola,  non sono forse belli?

 

CAVOLINI 006 - Copia

CAVOLINI 007 - Copia

 

godiamoci l’inverno, rallentiamo la corsa, o perderemo una parte di vita.

La neve

 

 

 

 

 

Viveva in una nuvola

come una gatta in soffitta:

stanotte, zitta, zitta,

la neve è caduta giù.

NEVE 009

Cosa diranno i bambini

a vederla, già morta

sui gradini della porta

come un povero caduto lì?

2015-02-05 NEVE1

2015-02-05 NEVE

Aveva freddo

e nessuno gli aprì.

Renzo Pezzani

ricordando le mie maestre delle elementari

 

 

almeno una volta la  settimana si faceva il tema in classe.

Un titolo ricorrente era:  “parla di ciò che hai fatto negli ultimi giorni”.

Chi  non lo ricorda?   fingo di essere sui banchi di scuola e scrivo:

 

   Svolgimento

 

   L’inverno  ci ha regalato, fino a pochi giorni fa, un sole splendido, caldo come se la stagione fredda se ne stesse

raggomitolata in qualche nascondiglio, in attesa.

   Una passeggiata in campagna mi ha regalato la gradita sorpresa di una viola, in una culla di erba secca.

VIOLA

Avevo acquistato un mazzo di tulipani gialli  per fare una composizione.  Mi viene naturale rispettare nelle composizioni l’andamento delle stagioni,  non riuscirei, ad esempio, ad utilizzare le bacche di rosa di macchia

o di agrifoglio per una composizione primaverile.  Vedendo la viola,  annuncio di una primavera che verrà,

fra foglie ed erbe secche, ho pensato che i  freschi tulipani dovessero  stare vicino ai fiori di aglio essicati

proprio per dare l’impressione di guardare all’inverno con il pensiero già rivolto alla nuova vita, come in natura.

TULIPANIBLOG

TULIPANI E AGLIO 004

Ho spolverato gli abiti alle my dolls e le ho poste vicino al vaso per la foto, come si faceva quando eravamo

bambini.

Oltre alla passione per i fiori,  ho anche la passione per  la  farina; nella mia dispensa ne ho di molte qualità,

provo  miscele variando le proporzioni.

L’altro ieri, nella mia cucina, si   spandeva il buon profumo dell’impasto  che stava lievitando.

Ho realizzato un pane tipico siciliano a base di semola rimacinata di grano duro, cosparso in superficie di

semi di sesamo. E’ la “mafalda” siciliana, dal nome della principessa Mafalda di Savoia a cui è stato dedicato

questo pane semplice, molto saporito.

MAFALDINE ECC. 31.1 006

MAFALDINE

Uno sguardo dalla finestra e vedo, sul tetto che confina con uno dei balconi di casa,  gatto “pallotta”,

così ho battezzato un bel micio bianco e grigio dagli occhi dolci

PALLOTTA

In questi ultimi giorni mi sono regalata piacevoli momenti con il ricamo.

Avevo acquistato, forse un anno fa, uno schema che proprio mi piaceva; non mi decidevo mai ad iniziarlo

perché un po’ impegnativo: tante sfumature  significano tante matassine da gestire,  filo da cambiare e quindi

ago da infilare ogni momento. Per ogni cosa viene il momento giusto e l’ho iniziato, ne sono felice!

E’ un paesaggio dolce, che sa di fiaba, è The Voice of the Sheperd.  bellissimo.  Mi farà compagnia in questi giorni

che prevedono nevicate e nelle sere vicino alla stufa quando le braci rosse  riscaldano e rincuorano.

RICAMO 005

RICAMO 002

                                      Il tema di oggi finisce qui, chissà se la maestra mi darà un bel voto?!!